11-3-2012

UN MEDICO MONFERRINO A CAVALLO DI 4 SECOLI

Dopo Vittoria Acik la prossima domenica si parla di Letteratura Americana con Cristina Iuli e Gianni Abate

Una serie di coincidenze nella Valenza di oggi e Vittoria Acik, medico nato a New York, ma Monferrina di adozione si ritrova tra la mani una storia ambientata nella sua stessa città durante l’assedio del 1635. Nasce così “Il Segreto del Medico Cabalista” pubblicato da LiberFaber e presentato nella sala Quadrata della Comunità Ebraica di Casale domenica 11 marzo. Cabalista lo è anche Vittoria, per cui parlare di coincidenza risulta in un certo modo sospetto. Tutto sembrerebbe parte di un disegno. Di certo la vicenda è intrigante ci riporta indietro di 4 secoli nella pieghe di una Storia con la “s” alternativamente maiuscola e minuscola: medicina, spionaggio, gioielleria e qualche intrigante elemento di esoterismo che però non trascende mai nel folclore.
Alla presentazione in uno spazio come sempre “tutto esaurito” hanno partecipato anche Carlo Dabbene, del Centro Comunale di Cultura di Valenza, e Carlo Sonnino, amministratore delegato di Liberfaber.

Domenica 18 marzo Ore 16,30 la rassegna culturale della Comunità Ebraica di Casale prosegue con “Voci ebraiche nella letteratura americana” E’ il primo appuntamento di un ciclo di tre lezioni curate da Cristina Iuli e Gianni Abbate, che esplorano le influenza dell’ebraismo nello scrivere del 900. i comincia proprio da come gli Ebrei e la loro cultura penetrano nel melting-pot statunitense causando stimoli e tensioni.
Cristina Iuli è Ricercatrice Letteratura Nordamericana presso l’Università del Piemonte Orientale, Vercelli. Ha svolto un Dottorato in Teoria e Analisi del Testo – Bergamo, 1996 e ha conseguito un Ph.D. in American Literature all’Indiana University, nel 2006. Si occupa soprattutto di modernismo, contemporaneità, teoria, letteratura e scienza, e teorie e estetiche della modernità. Oltre ad aver pubblicato saggi su tutti questi argomenti, è autrice di tre monografie: Effetti Teorici: Critica Culturale e Nuova Storiografia Letteraria Americana. Torino, Otto, 2002; Giusto il tempo di esplodere: Miss Lonelyhearts, il romanzo pop di Nathanael West. Bergamo: Bergamo University Press, 2004; Spell it Modern: Modernity and the Question of Literature, Vercelli: Mercurio, 2009.

Gianni Abbate invece ha bisogno di meno presentazioni. E’ ben conosciuto al pubblico casalese e della comunità. Nato nel luglio 1942 a Casale Monferrato la sua famiglia sviluppi forti legami con quella del Prof. Giuseppe Ottolenghi Preside del Liceo Classico Balbo dal 1922 al 1935 – con un’amicizia durata sino alla sua morte nel 1955. Consegue la Maturità presso il Balbo di Casale e la Laurea in Filologia Classica presso la Statale di Milano. Sino all’agosto 1982 docente di Lettere presso il Liceo Classico Balbo. Dal settembre 1982 Preside di ruolo per un biennio al Liceo Classico Alfieri di Asti, poi presso il Balbo sino all’agosto 2009. È stato assessore per la Pubblica Istruzione e Cultura al Comune di Casale dal 1975 al 1983. Direttore dei corsi di Lettere-Arte-Storia-Filosofia dell’Università della III Età dal 1986 al 2005. Autore di volumi di commento su scrittori antichi. Ha tenuto e gestito vari seminari presso la Facoltà di Lingue dell’Università di Torino e l’Università IULM di Milano. Dal 1986 fa parte della Confraternita dei Maestri Coppieri di Aleramo. È già stato diverse volte ospite della Comunità Israelitica di Casale per conferenze di vario argomento.