07-06-2012

Da Rossi a Schoenberg nelle dita di Sabina Lanzi



Dopo i ragazzi del Coro Gesher, che la scorsa settimana hanno affollato la Sinagoga, la rassegna “Da Salomone Rossi ad Arnold Schoenberg” prosegue domenica 10 giugno alle ore 17 con un unico esecutore: la Pianista Sabrina Lanzi, chiamata a un repertorio che incarna perfettamente la filosofia della manifestazione voluta dalla Comunità Ebraica di Casale Monferrato.

Sabrina Lanzi è nata a Bollate, ma è ormai Monferrina d’adozione (a casa a Vignale) in compenso il suo curriculum è decisamente internazionale, con concorsi ed esibizioni in tutta Europa. Non la spaventa quindi un programma sulla carta molto impegnativo che ha come filo conduttore il confine tra musica ebraica e quella classica (il direttore della rassegna è il compositore Giulio Castagnoli) con incursioni anche nella storia locale.
Il concerto incomincia con i sei piccoli pezzi per pianoforte op. 19 proprio di Arnold Schoenberg. Scritti nel 1911 ad appena un anno dal debutto della dodecafonia, rivelano il lato più intimo del compositore viennese. Un filo sottile lega le rarefatte atmosfere dei delicatissimi Pezzi alle gemme cristalline dell’op. 85 di Mendelssohn: si tratta della ricerca della perfezione nella piccola forma, nel cammeo sonoro. “Un esempio su tutti – spiega Castagnoli – il terzo dei pezzi schoenberghiani si concentra su un solo intervallo, la terza maggiore Sol/Si, che funge da pedale interno di tutto il lavoro. Il suo rivolto, trasportato sul tono della sua dominante, dà origine alla sesta ascendente Fa#/Re su cui è incentrata la splendida pagina mendelssohniana della Romanza op.85 n. 4.” Cambia lo stile, la superficie sonora, ma il senso profondo rivelato dalla musica è lo stesso che si ritrova anche nelle due Sonate proposte (l’op. 90 e la celeberrima op. 57 “Appassionata”), in cui Beethoven dispiega la propria genialità nel concepire una forma che, benché fisicamente suddivisa in movimenti separati, tende comunque sempre all’unità.

Sinagoga di Casale Monferrato – Vicolo Salomone Olper
DOMENICA 10 GIUGNO, ore 17,00

Piano solo

Sabrina Lanza

Programma
Arnold Schoenberg,  Sechs kleine Klavierstücke  Op. 19 (1911)
• Leicht, zart (leggero, delicato)
• Langsam (lento)
• Sehr langsam (molto lento)
• Rasch, aber leicht (rapido, ma leggero)
• Etwas rasch (quasi presto)
• Sehr langsam (molto lento)

Felix Mendelssohn-Bartholdy, Sechs Lieder ohne Worte op.85
1. Andante espressivo in Fa Maggiore
2. Allegro agitato in La minore
3. Presto in Mib Maggiore
4. Andante sostenuto in Re Maggiore
5. Allegretto in La Maggiore
6. Allegretto con moto in Sib Maggiore

Ludwig van Beethoven, Sonata op. 90
• Mit Lebhaftigkeit und durchaus mit Empfindung und Ausdruck (Con vivacità e sempre con sentimento ed espressione)
• Nicht zu geschwind und sehr singbar vorzutragen (Non troppo vivo e cantabile assai)

 Ludwig van Beethoven, Sonata op. 57 “Appassionata”
• Allegro assai
• Andante con moto
• Allegro, ma non troppo – Presto

Sabrina Lanzi

Ben presto sviluppa la sua carriera conseguendo numerosissimi premi in vari Concorsi Nazionali ed Internazionali. Viene ripetutamente invitata ad esibirsi in numerose sale e Festival in Italia e all’estero, tra i quali la Kulturhalle a Bregenz, Conservatorio di Berna, Sala Verdi di Milano, Teatro dell’Opera di Roma, Amici della Musica di Padova, Noto Musica Festival, Piccolo Regio di Torino, Konzerthaus Freiburg,”Mozartfest”- Badkrozingen, Weinbrennersaal Baden Baden, Meistersingerhalle Nurnberg, Teatro Alfieri di Asti , Teatro Coccia di Novara. Nell’aprile 2008 si è esibita, sotto la veste di solista con orchestra, alla Gewandhaus di Lipsia nella Grosser Saal. Nel 1998 registra per la CBC Radio & Television in Canada, dalla quale viene in seguito invitata a tenere un Recital. Nel 2009 si è esibita per i Concerti del Quirinale di Rai Radio 3, nella Cappella Paolina a Roma,trasmissione trasmessa in Euroradio.

Grazie alla sua brillante tecnica pianistica e al suo virtuosismo interpretativo, riceve numerosi ed entusiastici apprezzamenti da musicisti di fama internazionale che l’hanno decretata come brillante ed originale interprete del repertorio romantico e post-romantico. Al vasto repertorio solistico affianca quello cameristico e soprattutto quello con orchestra che nel volgere di pochi anni si è ampliato con collaborazioni prestigiose quali gli Archi della Scala, l’Orchestra del Conservatorio di Berna, l’Orchestra Sinfonica di stato di Arad e di Bacau, Symphonie Orchester Freiburg, Symphonie Orchester Leipzig, Baden Baden Philharmonie e numerose altre in Italia e all’estero.
L’esecuzione di alcuni concerti quali l’op. 18 (n 2) di S. Rachmaninoff e l’op.83 (n 2) di J. Brahms in diverse tournée estere hanno riscosso un caloroso successo di pubblico e di critica richiamandola all’attenzione di importanti istituzioni musicali estere che le hanno valso l’invito ad una tournée negli Stati Uniti. Rilevanti le sue prossime esibizioni con l’opera integrale per pianoforte ed orchestra di S. Rachmaninoff, che la vede prima donna italiana protagonista in uno dei progetti più ambiziosi e virtuosistici nel campo pianistico.

L’ingresso a tutte le manifestazioni è gratuito
per informazioni tel 0142 71807
www.casalebraica.org.