L’ora del tempo sognato

COMUNICATO STAMPA

Da martedì 8 gennaio cominceranno da Torino le proiezioni del documentario “L’ora del tempo sognato”, progetto realizzato dall’associazione culturale C’era una volta, da Alessandro Azzarito, dalla Comunità Ebraica di Casale e da molte altre collaborazioni. Presentato al pubblico il 25 aprile 2012 in un Teatro Municipale gremito, nei giorni che precedono il 27 gennaio 2013, ricorrenza per non dimenticare, numerose sono state le richieste in alcune città italiane da parte di Enti, Centri di documentazione, Associazioni e soprattutto scuole per mostrare il lavoro e dibattere sul tema della shoah.
“L’ora del tempo sognato” è la narrazione della vicenda accaduta tra Torino e Casale Monferrato negli anni 1942 – 1943, in cui Gioconda Carmi e Giuseppina Gusmano si sono prodigate per salvare le vite incolpevoli dei bambini ebrei dell’Orfanotrofio “Enrichetta Sacerdote”, durante i tormentati giorni di guerra e persecuzione. Un progetto di ricerca, custodia e divulgazione della memoria dove si intrecciano fotografie, immagini filmate e interviste dei protagonisti, per un racconto che vuole restituire a quei fanciulli il “sogno” e la spensieratezza che è la gioventù e non dimenticare il senso di responsabilità di due donne speciali, in cui ognuno potrà far propria la dimensione etica e sociale di un percorso coinvolgente e colmo di sentimento in un momento buio della storia.
Anche grazie al recupero di questa eccezionale vicenda è stato possibile parlare con alcuni dei protagonisti, ricordare vissuti e ritrovare due di quei fanciulli, mentre un terzo, alcuni mesi dopo, è stato rintracciato a Gerusalemme. Per questa ragione il progetto culturale e formativo per la salvaguardia della memoria va avanti, con la realizzazione di un secondo documentario, in cui la voce dei ricordi, per mezzo di ricerche e del contatto diretto con i testimoni avviene attraverso “il risuonare di voci vive” anche grazie alla collaborazione con alcuni insegnanti e studenti dell’istituto Balbo-Lanza di Casale M.to. Un nuovo progetto dove l’intento è quello di documentare il viaggio e ripercorrere quello stesso percorso insieme per ritrovarsi a Cracovia e ad Auschwitz, nel luogo simbolo della follia e del progetto nazista, in cui miscelare il ricordo e le vicende di quei monferrini riusciti a scampare alla deportazione e di chi purtroppo dai campi di sterminio non è più tornato. Un viaggio che vuole consegnare ad ognuno, ma soprattutto alle nuove generazioni, la memoria delle deportazioni e dello sterminio, un’opportunità importante e significativa per creare occasioni di coesione sociale nell’intento di costruire una società migliore, anche attraverso la ritualità della commemorazione, ma soprattutto attraverso l’azione di ognuno, non quali spettatori di una storia confezionata, ma attori di un destino comune che ha anche radici comuni nella tragica esperienza di Auschwitz.

L’associazione C’era una volta è a disposizione per eventuali richieste di proiezione del documentario “L’ora del tempo sognato” e o comunicazioni:
Associazione Culturale C’era una volta – via Recinto 15020 Villamiroglio (AL)
e-mail: assceraunavolta@libero.it
tel. Massimo 3453350871 – Tiziana 3469761908